Attività
Documentario sulla memoria storica di Crespi

Locandina e programma
“Memorie di Crespi d’Adda: il passato riemerso”: testimonianze di abitanti che hanno vissuto ai tempi della famiglia Crespi e nei decenni successivi, attraverso le vicende della fabbrica e della storia d’Italia.

La nostra Associazione, ha coordinato a maggio 2006 presso il teatro di Crespi d’Adda una serata sul tema “La valorizzazione delle testimonianze di un luogo attraverso il cinema”.
L’iniziativa trae spunto dal filmato “Crespi d’Adda: le memorie riemerse” prodotto dalla Scuola di Cinema Televisione e Nuovi Media di Milano in collaborazione con l’Associazione Culturale Villaggio Crespi. Il filmato è una tappa del progetto “Memorie di un’utopia: per non dimenticare” curato dall’Associazione con il contributo della Provincia di Bergamo. Obiettivo della serata è stato discutere l’importanza degli strumenti audiovisivi per la conservazione e valorizzazione culturale e sociale di contesti di elevato significato storico.

Un momento della serata

Il filmato ha ribalttoa l’approccio tradizionale finora adottato nella redazione di materiale documentario sul sito Unesco di Crespi d’Adda, prevalentemente orientato a descrivere le valenze architettoniche e urbanistiche, e il modello produttivo. I protagonisti della narrazione sono in questo caso sono gli abitanti ex dipendenti del cotonificio che ricordano e raccontano la vita della comunità. La voce di chi ha trascorso in prima persona il lavoro nella fabbrica e la vita nel villaggio ha condotto lo spettatore a rivivere con forte emozione i momenti più importanti della storia di Crespi. La serata è stata particolarmente gradita dalla comunità locale, che ha affollato il teatro e si è sentita protagonista insieme agli anziani intervistati.

Un momento della serata

La proiezione è stata seguita da un dibattito promosso dal Comitato per il Decennale Unesco e sono stati invitati a discutere il regista, i promotori, alcuni docenti universitari e i residenti.
La serata ha rappresentato un’opportunità per riflettere sull’importanza della memoria di un luogo e un’occasione per raccogliere spunti e indicazioni dai partecipanti al dibattito al fine di procedere nel lavoro di raccolta delle testimonianze del passato e per “immaginarsi un futuro..”